L’identità in Rete e nel mondo reale

identity

Visto che il mio precedente articolo sul Decreto Pisanu ha riscosso un certo interesse, ne approfitto per chiarire alcuni punti (tecnici e filosofici) che riguardano il concetto di identità personale nel mondo fisico ed in quello virtuale (Internet). Se nel caso specifico del Decreto Pisanu NON ha senso tentare di identificare e tracciare tutti gli … Continua a leggere

Sono sicure le centrali nucleari?

No. La tecnologia attuale permette (sin dal 1980…) di costruire delle centrali atomiche assolutamente sicure. In Francia. In USA. In Inghilterra. In Italia, invece, le centrali atomiche verranno certamente costruite dalle stesse aziende che hanno costruito case e scuole che crollano al primo raffreddore, che hanno costruito e continuano a costruire ponti che crollano durante … Continua a leggere

L’attacco di ZeuS

Deliziosa notiziola di oggi: “WASHINGTON – Oltre 75 mila tra computer e server di circa 2.500 aziende, violati in 196 paesi: è il bilancio del più grande e sofisticato attacco hacker mai registrato fino a ggi. Lo rivelano oggi alcuni quotidiani statunitensi.” “L’intrusione è stata scoperta il 26 gennaio scorso da Alex Cox, un ingegnere … Continua a leggere

Cacciatori di Pirati

Mi è stato chiesto di fornire un’analisi delle tecniche utilizzate da FAPAV e dalla agenzia che ha agito per suo conto, CoPeerRight Agency (CPRA nel seguito), per dare la caccia ai “pirati” italiani. Per capire di cosa sto parlando, fatevi un giro a queste tre URL: http://punto-informatico.it/2786807/PI/Commenti/sia-fapav-sua-volonta.aspx http://www.fapav.it/news_details2.php?id=92 http://www.co-peer-right-agency.com/index_it.html Qui di seguito trovate una spiegazione … Continua a leggere

Password

Nei giorni scorsi è stato pubblicato uno studio, basato su dati reali, che conferma tutte le nostre più pessimistiche previsioni in fatto di password e dell’uso (irresponsabile) che ne fanno gli utenti: “Pubblicato uno studio statunitense che ha preso l’iniziativa dopo l’attacco di un cracker al sito Rockyou. Su 32 milioni di parole chiave svelate, … Continua a leggere

Gli effetti collaterali di Sarkozy

Ormai, questa notizia dovrebbe avervi raggiunto: “Martedì 12 maggio l’Assemblea Nazionale Francese ha deliberato una norma che prevede dure sanzioni per chi usa programmi “peer to peer”, ossia che permettono di scaricare gratuitamente musica e film dalla rete web, fino a prevedere la sospensione dall’accesso a internet in caso di recidiva.” “La legge prevede la … Continua a leggere