Sono sicure le centrali nucleari?

No.

La tecnologia attuale permette (sin dal 1980…) di costruire delle centrali atomiche assolutamente sicure.

In Francia. In USA. In Inghilterra.

In Italia, invece, le centrali atomiche verranno certamente costruite dalle stesse aziende che hanno costruito case e scuole che crollano al primo raffreddore, che hanno costruito e continuano a costruire ponti che crollano durante i collaudi e via dicendo.

Questo è inevitabile per la banalissima ragione che circa il 60% del fatturato legato all’ingegneria civile ed all’edilizia in Italia è prodotto da aziende che (secondo le sentenze di processi definiti…) sono state, e spesso sono tuttora, colluse con la mafia o addirittura di proprietà di mafiosi.

Questa gente non si fa nessuno scrupolo di diluire il cemento utilizzato per le costruzioni fino al punto da renderle instabili. Lo fa per due soldi e lo fa a dispetto del fatto che su quei ponti dovranno passare anche loro stessi (ed i loro figli) con le loro auto. Lo fa nello stesso modo in cui sparge rifiuti tossici nelle campagne (sempre per due soldi) e poi mangia, insieme alle proprie famiglie, la verdura che cresce su quei terreni.

Questa è la ragione per cui 25 anni fa ho votato NO al referendum sul nucleare, cioè quel referendum che ora, questo governo di delinquenti, ha deciso di ignorare.

Questa è la ragione per cui voterei NO ancora oggi, se me ne venisse data l’occasione (come dovrebbe succedere in qualunque paese democratico).

Ho votato NO, e continuerei a farlo, anche se sono uno tra i pochi italiani che sappia come è fatta una centrale atomica (meno dell’1% degli italiani lo sa, secondo le statistiche). Continuerei a votare NO soprattutto per questo.

Alessandro Bottoni

Comments
3 Responses to “Sono sicure le centrali nucleari?”
  1. kingofgng scrive:

    Per quanto mi riguarda lo stesso concetto di “centrale nucleare sicura” è un falso sintattico. Un pò che dire un papa nero o un berlusconi statista. Discorso complesso, a ogni modo….

  2. Gifh scrive:

    Sono dell’opinione che anche senza i problemi tutti italiani, il nucleare, come riusciamo a gestirlo oggi, è altamente pericoloso mettendo a repentaglio la sicurezza e le generazioni future. Chernobil non è bastata? TMI neppure? Ma se scavate bene è possibile trovare tutti i giorni notizie di perdite di materiale radioattivo, o morti nelle miniere di uranio, o altri “piccoli” incidenti quotidiani alle centrali straniere, che vengono seppelliti troppo facilmente dalle frivolezze che propinano al grande pubblico.
    Ho votato NO al referendum, ma i quesiti non erano quelli che desideravo,e voterei ancora NO senza indugiare, perché sono un irriducibile.

  3. Fabienne Melmi scrive:

    Nemmeno in Francia, in Inghilterra e negli USA le centrali nucleari sono sicure…ne abbiamo la prova tutti i giorni, in francia ci sta un incidente, anche se minore per il momento, ogni due giorni…
    E’ stato dimostrato che il nuovo reattore EPR che stanno costruendo in Francia e in Finlandia è assolutamente inaffidabile,( lo stesso che dovrebbe essere costruito in Italia) e non lo scrivo io, ma è stato detto direttamente da persone lavorando a EDF…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: