Berlusconi, vattene!



Vi ricordo che domani, dalle 13:30 (NON dalle 15:00, come annunciato in precedenza), al Palasharp di Milano va in scena la prima di molte manifestazioni organizzate per urlare in faccia a questo ometto volgare e rumoroso che è ora di togliere il disturbo. Lui ed il suo governo di corrotti. Vedi:

“MILANO – Costruire un’Italia libera e giusta. Che si lasci alle spalle il berlusconismo. Siamo oramai a poche ore dall’inizio di “Dimettiti”, la manifestazione organizzata da Libertà e Giustizia al Palasharp di Milano. Una mobilitazione nata dalla rete. Dall’appello per chiedere al premier un passo indietro. Più di 100mila firme raccolte in poco più di una settimana. L’onda d’urto dell’altra Italia. Che attende gli interventi di Paul Ginsborg, Umberto Eco, Gustavo Zagrebelsky e Roberto Saviano. Si inizia sabato, alle 13,30. L’ingresso è gratuito. E oltre a chiedere le dimissioni del presidente del Consiglio, si testimonierà solidarietà alla magistratura italiana e alla procura milanese in particolare.”

“Negli ultimi giorni l’iniziativa di Libertà e Giustizia ha incamerato tante adesioni. Sono previste letture e interventi. Tra gli altri: Moni Ovadia, Salvatore Veca, Nando Dalla Chiesa, Concita De Gregorio, Gad Lerner. E poi il segretario della Cgil, Susanna Camusso, e quello della Fiom, Maurizio Landini. Poi Dario Franceschini e numerosi esponenti del mondo dell’arte e dello spettacolo. Come Milva, il pianista Maurizio Pollini e Irene Grandi. Si parlerà di libertà d’informazione e dignità delle donne, di Costituzione e giustizia.”

“Tanti i media italiani e stranieri che seguiranno la manifestazione. Che è stata considerata, da numerosi commentatori stranieri, “la prima grande mobilitazione degli intellettuali contro Silvio Berlusconi”. Repubblica.it e Repubblica Tv seguiranno in diretta tutto l’incontro. “

Da “Il sabato di Libertà e giustizia” apparso su Repubblica oggi.

“MILANO – Quello andato in scena sabato, proprio sotto la Scala, era solo un prologo. Donne in piazza, con le loro sciarpe bianche e la loro indignazione, per chiedere a Berlusconi di andarsene. La protesta continua, con un culmine negli otto giorni compresi tra sabato prossimo e il 13 febbraio. Mentre nelle piazze d´Italia prosegue la raccolta di firme del Pd (obiettivo dieci milioni per chiedere le dimissioni del Cavaliere) il primo appuntamento sarà ancora a Milano, il 5 febbraio. Promuove Libertà e Giustizia, l´associazione che sta mandando un avviso di sfratto on line a Berlusconi, con una raccolta di firme che, annuncia la responsabile Sandra Bonsanti, «sta ormai toccando quota centomila». Lo slogan della manifestazione dice tutto: «Dimettiti, per un´Italia più giusta». La location è il Palasharp, la stessa (ma allora si chiamava Palavobis) presa d´assalto nel febbraio del 2002, quando in 40mila risposero all´appello di Micromega in difesa della legalità minacciata dal governo (c´era sempre Berlusconi).”

Da “Le donne lanciano le manifestazioni “In piazza per liberarci di Berlusconi”” Apparso su Repubblica il 31 gennaio e ripreso da http://www.libertaegiustizia.it/.

Avete già comprato il biglietto del treno? Sbrigatevi: la manifestazione ha luogo DOMANI.

Portatevi la macchina fotografica e mandate qualche foto a Flickr (http://www.flickr.com/), giusto per documentare a Minzolini che non si tratta dei soliti quattro gatti.

Alessandro Bottoni

Annunci
Comments
4 Responses to “Berlusconi, vattene!”
  1. guido perazzi ha detto:

    troppa carenza nell’EDUCAZIONE dei cittadini a ragionare a pensare, ci ha fatto molti servi. E’ mancato e manca una società liberale e un partito liberale italiano che lotti per la LIBERTA’ e per LA GIUSTIZIA x tutti.
    aggiungo un commento su l’oggi nel fango.
    il CLIENTE della prostituta è mal preso come la prostituta.
    guido perazzi.Il sultano si perde; il PAESE si PERDE! E l’uomo* diventa pericoloso. Meglio essere una prostituta, che un magnaccia-sultano. Il cliente della prostituta è mal preso come la prostituta. Il cliente e la prostituta si sentono ERRONEAMENTE incapaci, perché SCOPRONO i propri LIMITI che sono in tutti noi. Primo Levi: l’uomo* è una persona pericolosa. Siamo tutti pericolosi quando le classi dirigenti del bel paese comandano comprano il consenso degli eletti nella più LIBERA CORRUZIONE, come si vede negli ultimi 15 anni [GLI eletti, INVECE dovrebbero RAPPRESENTARE tutti i cittadini]. Non c’è altro di più DEGRADANTE, di quanto l’uomo consapevole o non consapevole, di non amare nessuno e di non essere amato da nessuno, pensa da convinto di comprare amore, INVECE al DEGRADO si aggiunge ALTRO DEGRADO. Il SULTANO si PERDE il PAESE si PERDE. Ciao da guido Ipazia

    *Uomo (uomo e donna)

  2. guido perazzi ha detto:

    guido perazzi:nel 2011 un augurio perchè si sviluppi la ricerca dell’utopia. Che ci faccia vedere: una scuola che insegnasse meglio di oggi l’educazione per pensare, l’educazione a ragionare sui pensieri, e una scuola che faccia sviluppare la curiosità dei saperi studiando. e una scuola che INSEGNI a INSEGNARE ai docenti. una scuola che insegni meglio ai studenti a studiare. VORREI UNA SCUOLA CHE GLI STUDENTI FACCIANO TANTE DOMANDE AI DOCENTI TANTE QUELLE CHE FANNO I DOCENTI AGLI STUDENTI. PENSO che dovrebbe essere obbligatorio l’insegnamento del pensiero filosofico per TUTTE LE LAURE, altrimenti continueremo a fare del meglio possibile le cose tecniche, TRASCURANDO IL DIALOGO CON IL PENSIERO DEI FIOSOFI, che è determinante a sviluppare l’IMPORTANZA del VIVERE CIVILE nell’AMICIZIA. ciao da guido Ipazia

  3. fishcanfly ha detto:

    Io sono vicino e sono con l’abbonamento! Sempre contro l’indifferenza!
    http://vongolemerluzzi.wordpress.com/2011/02/11/indifferenza/

  4. gioca ha detto:

    il peggior presidente del consiglio a mia memoria- molti di noi siamo stanchi delle sue vicende private e chiediamo di conoscere la sorte di quella panzana di un milione di posti di lavoro…. credo che il meglio di sè lo abbia dato come cabarettista nelle navi da crociera – ritorni a farlo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: