Assange lo stupratore?

Print

Sembra proprio di no:

“L’uomo che ha amato due donne di troppo: la storia delle svedesi che hanno incastrato Julian Assange sembra un copione uscito dalla penna del giornalista e giallista Stieg Larsson. Il Daily Mail indaga sulle azioni consumate nell’arco di tre giorni che hanno portato il capo di Wikileaks davanti al magistrato londinese Caroline Tubbs con un’accusa di stupro e due di molestie sessuali: nascono dai rapporti, in due casi non protetti dal preservativo, che l’affascinante e squattrinato Julian ebbe nell’agosto 2010 con due ammiratrici, che erano entrare in contatto con lui in occasione di un seminario su «Guerra e ruolo dei media» organizzato a Stoccolma dal Brotherhood Movement, un controverso gruppo cristiano legato al partito socialdemocratico.

Il Mail chiama le donne per convenzione “Sarah” e “Jessica”: non sono i veri nomi, dal momento che il processo giudiziario è in corso. Sarah, una bionda attraente sui trent’anni, è l’addetta stampa di Brotherhood Movement e ha viaggiato il mondo inseguendo una serie di cause alla moda. Sarah e Julian non si erano mai visti prima, ma lei lo aveva invitato a stare nel suo piccolo appartamento nel centro di Stoccolma. Assange era arrivato l’11 agosto e dopo cena i due erano finiti a letto.

Né lui né lei contestano il fatto che durante il rapporto si era rotto il “condom”, un evento che in seguito Sarah, una femminista radicale, ha definito “deliberato” da parte di Julian. Lì per lì però non ci fu animosità tra la svedese e il 39enne hacker australiano, che ha un figlio di 20 anni da una relazione giovanile fallita. Al punto che la funzionaria di partito continuò a ospitare Assange, organizzando perfino una festa in suo onore. A questo punto spunta “Jessica”: ventenne di Enkoping, una cittadina a 60 chilometri da Stoccolma. Vede Assange in televisione, in lei scocca la scintilla e si fa assumere tra i volontari che lavorano al seminario.

In quella occasione conosce anche Sarah. Avvicinato dalla ragazza, Assange non resiste e le fa la corte. Seguono vari incontri e un invito a vedersi a casa di lei. “Julian non aveva contanti, non voleva usare la carta di credito e “Jessica” gli comprò il biglietto del treno”, scrive il Mail. Assange e la ragazza vanno a letto e fanno sesso due volte. Lui usa il preservativo, ma non fa il bis in un altro rapporto l’indomani mattina. Anche in quel caso il commiato è amichevole, con la promessa di rivedersi. Jessica però si spaventa: confida a Sarah di aver avuto un rapporto non protetto. A questo punto scoppia il patatrac: le due donne, che non sapevano l’una dell’altra, decidono di coalizzarsi contro l’hacker davanti a un magistrato. Spiega Sarah: “Non c’entra affatto il Pentagono. Assange è di un uomo con un’opinione distorta delle donne e a cui non piace farsi dire di no””

Da “Rapporti senza condom”. Ecco perché Assange rischia il carcere” Pubblicata da “Il fatto quotidiano” sotto licenza Creative Commons (su base ANSA).

Vi prego di notare che stiamo parlando di un crimine che in Svezia viene punito al massimo con 750 € di ammenda (niente carcere).

Non solo:

“La notizia ha già fatto il giro del mondo: Julian Assange è stato arrestato in Inghilterra per un presunto stupro consumatosi l’estate scorsa in Svezia.
Il ministro degli Esteri italiano, Franco Frattini, nel dirsi soddisfatto del risultato, lo ha rivendicato come un successo della diplomazia internazionale: «Era ora, per fortuna l’accerchiamento internazionale ha avuto successo».

La dichiarazione del nostro ministro degli Esteri è di inaudita gravità e tale da rendere indispensabile che Frattini riferisca immediatamente in Parlamento sull’accaduto e, probabilmente, che rassegni le sue dimissioni.”

Da “Caso Wikileaks: gravi le dichiarazioni di Frattini” pubblicata sempre da IFQ.

Insomma, a questo punto punto soltanto un EMERITO IDIOTA (ripeto: proprio soltanto un “emerito idiota”) può seriamente pensare che Assange si sia macchiato di questo crimine e meriti la caccia di cui è stato oggetto.

Si tratta palesemente di una manovra dei servizi segreti e della diplomazia USA e NATO per chiudergli la bocca.

Nostro dovere, a questo punto, è continuare a parlare in sua vece.

Alessandro Bottoni

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: