La differenza tra privacy ed omertà

fnsi_19giugno2010_roma1.jpg

Francia, prove tecniche di bavaglio. Fallite

Assolto il sito Mediapart. A giugno aveva pubblicato le intercettazioni che inguaiano Sarkozy. Respinte le argomentazioni sulla “privacy” portate dall’accusa

Se il parlamento italiano è criticato per questo progetto di legge detto “bavaglio”, è proprio un bavaglio che l’avvocato di Madame Bettencourt sollecita”. Questa la linea difensiva annunciata dal fondatore di Mediapart Edwy Plenel, che i legali del giornale on-line Jean-Pierre Mignard e Emmanuel Tordjman hanno adottato fino ad ottenere l’assoluzione nel processo d’appello intentato contro di loro da Liliane Bettencourt.

{….}

La difesa – Mercoledì 21 Mignard e Todjman hanno fatto leva sulla questione del bavaglio, aggiungendo quest’argomentazione ai principi sanciti dall’assoluzione del 1° luglio scorso: la legittimità della registrazione e il suo interesse pubblico. Stando al blog di Plenel, i difensori avrebbero sostenuto anche questa tesi: “In Italia un movimento legislativo mira a vietare la pubblicazione delle intercettazioni telefoniche basandosi sul principio della protezione della privacy. Se il parlamento italiano è criticato per questo progetto di legge, detto “bavaglio”, è proprio un bavaglio che l’avvocato di Madame Bettencourt sollecita. La ricorrente milita forse, senza saperlo, per una democrazia riservata dove l’informazione è limitata a una cerchia di iniziati solo quando sono implicati gli interessi di una ‘nobiltà’”.

La decisione – Venerdì 23 luglio la Corte d’appello del tribunale di Parigi ha confermato l’assoluzione. Le informazioni pubblicate rientrano nell’ambito della “legittima informazione del pubblico” e “riguardano il funzionamento della Repubblica, il rispetto della sua legge comune e dell’etica delle funzioni governative“, nella fattispecie “il rispetto della legge fiscale, l’indipendenza della giustizia, il ruolo del potere esecutivo, la deontologia delle funzioni pubbliche, l’azionariato di un’azienda francese conosciuta nel mondo“.

L’origine illecita delle registrazioni, di cui noi abbiamo chiaramente verificato l’autenticità, non intralcia la rivelazione di fatti di interesse pubblico”, ha scritto Plenel. “La Corte d’Appello ha considerato che i giornalisti avevano giustamente fatto il loro lavoro. È molto importante per la stampa, la vita pubblica e il proseguimento di questo affare”, ha dichiarato invece l’avvocato Mignard ricordando che i cronisti avevano distinto tra le conversazioni riguardanti la vita privata e quelle d’interesse generale. Anche il settimanale Le Point, che come Mediapart aveva pubblicato le registrazioni, è stato assolto.

Da “Il fatto quotidiano” di oggi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: