Strumenti e Tecniche Antistupro

Visto che in questi giorni in TV non si parla d’altro, credo che sia il caso di chiarire alcuni punti in tema di lotta allo stupro ed in tema di autodifesa della donna. Mi sembra, infatti, che ci sia un po’ troppo entusiasmo per gli spray al peperoncino ed altre soluzioni che in realtà non sono così efficaci come si crede.

Una legge contro la grandine

Francamente, tutte le leggi antistupro di cui ho sentito parlare negli ultimi quarant’anni anni hanno la stessa credibilità di una legge che vieti alla grandine di scendere sui frutteti. Le leggi sono certamente necessarie ed è sicuramente necessario perfezionare la legislazione italiana in materia di sicurezza, di difesa delle donne e di repressione del fenomeno dello stupro.

In particolare, è tempo di ragionare seriamente sul tema delle telecamere di sorveglianza, dei sistemi di allarme e persino dei robot per il pattugliamento automatico di certe zone a rischio. La politica può fare molto per limitare questo odioso fenomeno e per prevenire le aggressioni, soprattutto se impara a fare buon uso della tecnologia moderna.

Tuttavia, se volete fare qualcosa mentre aspettate che i nostri politici si mettano d’accordo tra di loro su chi deve intascarsi le mazzette del caso, qui di seguito trovate qualche informazione utile.

Tenete presente che non è mia intenzione sostenere che sia meglio una legge, uno spray al peperoncino od una pistola. Queste scelte di carattere etico e tecnico sono un VOSTRO problema. Io mi limito a dirvi quello che so. Sta a voi informarvi, riflettere e decidere in accordo con le vostre esigenze e la vostra personalità.

Il peggiore nemico delle donne

Mi è difficile dirlo senza che sembri una battuta sarcastica e maschilista ma vi prego ugualmente di riflettere seriamente su questo punto: il peggior nemico in assoluto delle donne è… la loro borsetta.

Qualunque sia il dispositivo di difesa che una donna sceglie di utilizzare (allarme GSM/GPS, spray al peperoncino, pistola calibro 9mm, etc.) c’è sempre una probabilità molto, molto alta che questo dispositivo finisca per essere smarrito tra mille altre cianfrusaglie all’interno di una borsetta. In questo caso, è praticamente impossibile che possa essere estratto nei tempi ristretti che sono necessari per reagire ad un’aggressione (soprattutto se si tiene conto della concitazione di quei momenti).

Per darvi un’idea di quanto sia importante portare i propri strumenti di difesa nel modo corretto, vi posso dire che praticamente tutti coloro che sono costretti a portare con sé un’arma da fuoco dispongono abitualmente di almeno due pistole (di solito una “grossa” Calibro 9 mm ed una “piccola” Calibro 32 ACP o qualcosa del genere) e di almeno quattro diverse fondine (almeno due per ogni tipo di arma). Molta gente del mestiere spende quasi più di fondine che di armi. Questo perchè è necessario adattare l’arma e la fondina al vestiario ed alla situazione. Non si può portare una Beretta 92 FS Calibro 9 mm (circa 1,3 Kg di peso) sotto i leggeri abiti estivi e non si può pensare di affrontare una banda di rapinatori soltanto con i 5 colpi Calibro 32 ACP di una Beretta Tomcat. Inoltre, circa tre quarti del tempo speso in allenamento con le armi è rivolto proprio alla estrazione dell’arma dalla fondina. Ogni “professionista” spende da due a sedici ore al mese in poligono (od in campagna) ad allenarsi per mantenere la necessaria fludità nei gesti legati all’estrazione dell’arma.

Di conseguenza, se decidete di portare con voi un dispositivo di difesa, di qualunque tipo, per favore organizzatevi in modo tale che esso sia veramente a portata di mano in caso di bisogno ed allenatevi per fare in modo che ogni gesto vi venga naturale. Sappiate che esistono fondine apposite per qualunque tipo di dispositivo, dallo spray al peperoncino alla pistola.

Telesalvalavita mobile Beghelli

Lo strumento che chiunque vi dovrebbe consigliare, prima e più di qualunque altro, è semplicemente un dispositivo di allarme radio come il Telesalvalavita Mobile di Beghelli. Vi prego di notare che Beghelli NON mi paga per fargli pubblicità. Se vi consiglio questo aggeggio è solo perchè è ciò che chiunque vi dovrebbe consigliare.

Il Telesalvalavita Mobile di Beghelli è semplicemente un piccolo telefono cellulare dotato di sistema GPS integrato. È abbastanza piccolo da poterlo tenere in tasca o da poterlo appendere al collo con un laccetto. Per azionarlo basta stringerlo tra le dita, in modo da premere i due pulsanti che si trovano sui due lati opposti del dispositivo (questo impedisce che venga azionato per sbaglio). Una volta azionato, questo aggeggio invia un SMS al Centro SOS Beghelli. L’SMS contiene il vostro nome e la vostra posizione geografica (con una precisione di qualche decina di metri). Il Centro SOS Beghelli riceve la chiamata ed interviene secondo le modalità che avete pattuito (solitamente passa la richiesta di aiuto alla Polizia ed ai Carabinieri nel giro di pochi secondi).

Tutto questo vuol dire che con la semplice pressione di due dita potete chiedere aiuto ed affidare la vostra vita a delle persone che sono organizzate, preparate e addestrate per intervenire nel migliore dei modi. Francamente, questo è davvero il meglio che si possa fare.

Il Telesalvalavita Mobile Beghelli costa intorno ai 300 €, ai quali bisogna aggiungere qualche euro al mese per l’abbonamento al servizio di SOS.

EU 112

In realtà, il servizio offerto (a pagamento) dalla Beghelli dovrebbe essere fornito (gratis) dalla Polizia (Statale, Municipale, etc.) e dai Carabinieri già dal lontano 2004. Si tratta infatti di un servizio sostanzialmente identico a quello previsto da una legge della Comunità Europea del 2002, già tradotta in legge anche in Italia nel 2004, e che dovrebbe essere fornito attraverso il numero di emergenza telefonico europeo “112” (che in Italia corrisponde a quello abituale dei Carabinieri). L’Italia paga qualche decina di milioni di euro l’anno di multa alla Comunità Europea per non aver mai implementato questo servizio. Come dire: “piuttosto che dare una mano ai nostri concittadini nel momento del bisogno, preferiamo pagare milioni di euro l’anno di multa”. Di questo schifo si sono resi responsabili sia i vari governi Berlusconi che l’ultimo governo Prodi.

Ne ho parlato diffusamente in questo articolo: “Il telefono antistupro”.

Spray al peperoncino

Gli Stati Uniti vantano una consolidata tradizione di uso degli spray al peperoncino, nelle loro varie forme, come strumento di autodifesa. Dalle statistiche degli ultimi 30 anni risulta che molto di rado questi strumenti sono realmente efficaci. Le ragioni di questo sostanziale fallimento degli spray al peperoncino sono due:

  1. Le ragazze sono molto, molto restìe ad usarli contro un aggressore prima che questo abbia messo loro le mani addosso. Ovviamente, dopo che l’aggressore ha messo loro le mani addosso non ne hanno più la possibilità.

  2. Le ragazze tengono quasi sempre sempre lo spray nella borsetta… Vedi sopra.

In compenso, le statistiche americane dimostrano chiaramente come gli spray al peperoncino (che negli USA sono sempre stati di libera vendita) sono il secondo strumento d’attacco preferito dagli stupratori dopo il coltello (la pistola è quinta, dopo le mani nude ed i bastoni). La ragione è ovvia: basta spruzzare l’olio al peperoncino in faccia alla ragazza che si desidera stuprare, stuprarla ed andarsene indisturbati, senza nemmeno temere di essere riconosciuti. La povera vittima, infatti, non riuscirà ad aprire gli occhi per circa 40 minuti, tutto il tempo necessario per “prenderla” da almeno due o tre delle proprie “posizioni kamasutra” preferite senza che possa difendersi e senza che possa guardarvi in faccia.

In Italia, fino a pochi giorni fa, gli spray al peperoncino si compravano solo in armeria e fino al 1989 si compravano solo dietro presentazione del nulla osta della prefettura (come avviene per le pistole). Quando questi aggeggi cominceranno a venire usati dagli stupratori, come avviene da sempre in USA, potrete ringraziare la Lega Nord che con un suo emendamento al “Piano Sicurezza” ha voluto liberalizzare la vendita di questi oggetti.

Stun Gun e Taser

In Italia, i dispositivi elettrici di shock (i cosidetti “Stun Gun” ed i cosidetti “Taser”) sono equiparati alle armi da fuoco. Ne sono stati omologati solo un paio di modelli destinati SOLO alle forze di polizia e che si possono acquistare solo dietro presentazione di un apposito permesso della prefettura (limitato solo ai tutori dell’ordine). Per portarli con sé (NON nella borsetta) occorre comunque il porto d’armi, come per una pistola.

Non mi risulta che in Italia un privato cittadino possa acquistare, detenere o portare sulla persona uno di questi aggeggi.

In ogni caso, questo aggeggi, che negli Stati Uniti sono sempre stati di di libera vendita, non hanno mai brillato per la loro efficacia nelle statistiche. Le ragioni sono tre:

  1. Non sempre riescono a raggiungere la pelle del malvivente ed a scaricare su di esso la loro energia elettrica.

  2. Le ragazze sono molto, molto restìe ad usarli prima che il malvivente metta loro le mani addosso. Dopo, non ne hanno più l’occasione.

  3. Le ragazze li conservano abitualmente nella loro… borsetta. Vedi sopra.

Armi da taglio e corpi contundenti

Qualunque coltello con una lama di oltre 10 o 12 centimetri è sufficiente per uccidere una persona (solitamente per dissanguamento, a causa di una ferita al fegato, allo stomaco od al cuore). Si tratta quindi di armi proprie (“armi da taglio e/o da punta”) e come tali NON possono essere portate sulla persona senza l’apposito permesso di porto d’armi (non sono però sicuro che esista ancora il concetto di licenza di porto d’arma da taglio o da punta). Di fatto, sono equivalenti ad una pistola.

In ogni caso, è difficile difendersi con un coltello. Se non ci credete, non dovete fare altro che simulare un’aggressione usando un coltello giocattolo. Sono sicuro che vostro fratello od il vostro ragazzo saranno disponibili ad aiutarvi in questa simulazione. Vi renderete conto di quanto sia facile farsi ammazzare con la propria arma.

Anche i bastoni, i tirapugni e molte armi tradizionali del kobudo (la versione a mano armata del karate) sono considerate armi proprie (come i coltelli) od improprie (come i bastoni) dalla legge italiana e quindi NON possono essere portate sulla persona (salvo casi particolari e salvo porto d’armi).

In ogni caso, tutti questi oggetti richiedono un allenamento specifico, che richiede mesi di tempo e che deve essere sempre aggiornato. Non li si può considerare dei veri e propri strumenti di difesa perchè impongono un cambiamento radicale nel proprio stile di vita: da raffinati oggetti di seduzione bisogna essere disposte a trasformarsi in agguerrite ninja. Francamente, è meglio che pensiate ad altro.

Armi da fuoco

In Italia, chiunque può acquistare un’arma da fuoco e le relative munizioni. L’unico permesso richiesto è un apposito “nulla osta” che rilascia la Prefettura. Il nulla osta attesta (implicitamente) che non siete dei pregiudicati e non siete in cura per malattie mentali presso uno dei SERT della zona. Nulla di più e nulla di meno.

Il nulla osta però serve solo per acquistare l’arma e per detenerla presso la propria abitazione, il proprio negozio o la propria roulotte. NON è sufficiente per portare l’arma sulla persona. Per portare l’arma su di sé è necessario l’apposito permesso di porto d’armi. Ottenere il porto d’armi è un po’ più difficile. Bisogna presentare una domanda apposita e aspettare qualche settimana. La Prefettura rilascia il permesso solo se siete incensurati, se non risultate essere malati di mente e se non risultate essere in una condizione che potrebbe far sospettare la vostra intenzione di nuocere a voi stessi o ad altre persone.

Il porto d’armi viene rilasciato abbastanza facilmente ad una ragazza che lo chiede per difendersi da possibili aggressioni, specialmente se è costretta ad esporsi al rischio per recarsi al lavoro e cose simili. Tuttavia, l’acquisto, la detenzione e l’uso di un’arma da fuoco è qualcosa di molto, molto più complicato del semplice “mi compro una pistola”.

Prima di scegliere questa strada, dovreste riflettere su questi punti:

  1. Non basta tirare il grilletto per usare un’arma. Bisogna sapere come riempire e svuotare il caricatore, come mettere e togliere il primo colpo dalla camera di scoppio, come inserire e disinserire la sicura. Questo vuol dire che dovete andare una volta al mese in poligono e fare un po’ di pratica. Siete disposte a farvi carico di questo training? Senza di esso sareste un pericolo per voi e per gli altri.

  2. Un’arma da fuoco, per definizione, deve essere usata prima che l’aggressore riesca a mettervi le mani addosso. Siete davvero disposte a sparare (in aria o verso l’aggressore) prima che questo vi tocchi? Se lo lasciate avvicinare abbastanza, quasi certamente vi toglierà l’arma di mano (e potrebbe usarla contro di voi dopo aver finito di stuprarvi).

  3. Dove avete detto che volete mettere la vostra pistola? Nella borsetta?! No, vi prego, lasciate perdere. Se volete dotarvi di una pistola per difesa, dovete (DOVETE) comprare anche almeno (ALMENO) una fondina adatta allo scopo (meglio due, diverse tra loro) e dovete (DOVETE) allenarvi a portare l’arma nella fondina ed a estrarla, anche in condizioni di panico e/o di movimenti difficili (alla guida dell’auto, etc.).

Tenete presente che nemmeno le poliziotte (che pure hanno l’arma e l’addestramento necessario) girano armate quando sono in abiti civili. Voi pensate davvero di essere più brave e più determinate di loro?

Se comunque volete seguire questa strada, seguite questi consigli:

  1. Comprate un’arma piccola, leggera e facile da usare, come una Beretta Tomcat od una Glock “subcompact”. Non avete bisogno di un’arma potente. Vi serve solo qualcosa che possiate davvero portare sempre con voi con comodità, con sicurezza e che sia facile da usare (soprattutto nel momento del bisogno). Comprate un’arma Calibro 32 ACP (7,65 Browning) od al massimo Calibro 380 ACP (9 Corto). Questo è il massimo che potete controllare senza un allenamento specifico e noiosissimo. Tenete presente che un bazooka in garage non vi salverebbe comunque da uno stupro. Una Beretta Tomcat nella FONDINA (non nella borsetta) potrebbe farlo.

  2. NON acquistate armi che hanno la sicura manuale (cioè armi nella quali la sicura deve essere inserita e disinserita manualmente). Esistono da decenni armi che sono dotate di sicure automatiche, come le Glock. La sicura manuale è quella cosa che vi impedisce di sparare quando ne avete bisogno. Evitatela.

  3. Allenatevi a portare l’arma sulla vostra persona (anche in auto ed in altre situazioni atipiche) ed allenatevi ad usarla. Allenatevi ad estrarre l’arma ed a sparare (anche con la mano “sbagliata” ed in condizioni critiche). Da due a quattro ore al mese in poligono dovrebbero bastare.

  4. Estraete l’arma al minimo segno di minaccia. Fate in modo che l’aggressore la veda. Urlategli di fermarsi e urlategli che siete armata. Buttate la vostra borsetta a terra, tra i vostri piedi (in modo che sia chiaro che state cercando di difendere la vostra persona con le unghie e con i denti e siete disposta a perdere i vostri averi pur di riuscirci). Impugnate l’arma con entrambe le mani (nessuna persona competente spara con una mano sola se può evitarlo). Puntatela a terra e fissate il vostro aggressore negli occhi. Se tenta di avvicinarsi, (SOLO SE TENTA) sparate SENZA ESITAZIONE VERSO TERRA, vicino ai suoi piedi. Se si avvicina ancora, sparate SENZA ESITAZIONE al bersaglio grosso (torace e ventre). Sparate sempre almeno due colpi. Non fuggite. Continuate a sparare finchè l’aggressore non fugge o finchè non cade a terra in condizioni tali da non potervi nuocere. Se l’aggressore è armato di pistola, sparate per uccidere (almeno quattro colpi al torace). Non c’è un altro modo di renderlo innocuo.

Se quest’ultima descrizione vi è sembrata eccessiva, sappiate che invece è (statisticamente) l’unico modo di salvare la pelle in caso di una aggressione in cui si fa uso delle armi. Rileggetela bene e riflettete. È questa la ragione per cui è meglio lasciar perdere le armi da fuoco: quando se ne porta una sulla persona si DEVE essere disposti ad usarla davvero, con tutte le conseguenze che questo comporta.

Ripeto il concetto per maggiore chiarezza: l’uso corretto di un’arma da fuoco deve essere quello di SPAVENTARE l’aggressore e metterlo in fuga. Dovete eseguire la sequenza di azioni che ho descritto qui sopra SOLO FINO DOVE È NECESSARIO per far fuggire l’aggressore. Non è quasi mai necessario arrivare a far fuoco. Quasi sempre basta la vista dell’arma (anche finta) per mettere in fuga un balordo. Tuttavia, per essere credibili dovete essere realmente disposte ad andare fino in fondo se è necessario (fino ad uccidere l’aggressore). Soprattutto, dovete agire mostrando di avere tutta la “grinta” necessaria a difendervi da sole. Gli aggressori hanno un fiuto particolare per la paura e per la mancanza di determinazione. Se si accorgono che non siete il tipo di persona che spara davvero per difendersi, vi toglieranno l’arma di mano e la useranno contro di voi.

Bluff ad aria compressa

In realtà, in alcune situazioni un bluff ben recitato potrebbe essere meglio di una vera sparatoria. Con poche decine di euro potete comprare in qualunque armeria delle simpatiche pistole e dei simpatici revolver ad aria compressa o ad anidride carbonica (CO2) che sono identici alle armi vere e che sparano dei proiettili di piombo del calibro di 4,5 mm chiamati “pallini Diablo”. Queste pseudo-armi si chiamano “repliche a gas” e sono di libera vendita (come gli archi da tiro e le fiocine ad elastico da pesca subacquea). La GAMO ne ha un catalogo intero, per prezzi che vanno dagli 80 ai 400 €. Ne trovate altre all’Armeria Calabrese, per esempio.

Una replica a gas ha queste caratteristiche:

  1. È indistinguibile da un’arma vera, anche per un esperto ed anche in condizioni di piena luce, fino a meno di un metro di distanza. Come le armi vere, dispone di un serbatoio da 6 a 8 colpi pronti all’uso.

  2. I suoi colpi fanno un male bestiale, anche attraverso i vestiti (in realtà, possono facilmente attraversare gli abiti estivi conservando ancora abbastanza energia da piantarsi nella pelle dell’aggressore per diversi millimetri). Le armi a CO2 usano una bomboletta che mantiene inalterata la loro potenza anche dopo mesi dall’inserimento nell’arma e anche dopo decine e decine di colpi sparati.

  3. Fa rumore, proprio come un’arma vera. A pochi metri di distanza, ed in condizioni di “sparatoria”, persino un orecchio esperto avrebbe delle difficoltà a distinguere uno di questi aggeggi da un’arma vera di piccolo calibro. Questo è particolarmente vero per le armi a CO2.

  4. Non è letale, per cui potete tranquillamente sparare addosso ad un aggressore al primo accenno di minaccia senza temere di ammazzarlo. Come potete immaginare, l’aggressore non sarà in grado di distinguere, “a colpo d’occhio”, il male prodotto dal pallino Diablo da quello prodotto da un vero colpo di pistola. L’istinto a fuggire quasi certamente avrà il sopravvento (questo non vale però per gli ubriachi ed i drogati…)

  5. Se sparate verso il viso, potete accecare facilmente un aggressore o metterlo comunque fuori combattimento. Come “ultima ratio” potrebbe essere accettabile.

In buona sostanza, potete tenere una di queste armi in casa, sotto il sedile dell’auto o sulla persona (NON nella borsetta) e usarla in caso di minaccia per spaventare l’aggressore. Le probabilità che l’aggressore fugga alla sola vista di quella che pensa essere un’arma vera sono molto elevate. Nel caso che insista, il suo momentaneo spiazzamento vi darà comunque un minimo di tempo per pensare a qualcos’altro o per fuggire.

In ogni caso, NON PUNTATE MAI UN’ARMA VERSO UNA PERSONA ARMATA SE NON SIETE DAVVERO INTENZIONATI A FARE FUOCO ENTRO UN SECONDO.

Non potete sapere se la sua arma è vera o finta. Se è vera, quella persona, sentendosi minacciata, vi sparerà senza pensarci due volte. Di conseguenza, non puntate mai un’arma finta (o scarica) verso una persona armata. Non puntate mai neanche un’arma vera e carica in direzione di una persona se non siete davvero intenzionati a sparare. Se quello dispone di un’arma, non esiterà un attimo ad uccidervi.

NON sparate mai alle spalle

In tutto il mondo, ed anche in Italia, è perfettamente legale ferire od uccidere una persona per difendersi da una aggressione. È del tutto legale sparare a qualcuno per difendere un’altra persona da una minaccia chiara ed immediata, diretta verso la sua persona (un coltello puntato alla gola e cose simili). Si tratta della cosiddetta “legittima difesa”.

In compenso, se si ferisce o si uccide una persona DOPO che l’aggressione si è conclusa, mentre il delinquente si sta allontanando o sta fuggendo, si incorre nei reati di violenza privata, lesioni personali (minimo due anni di galera) od omicidio volontario (da 12 anni all’ergastolo, media statistica di 20 anni).

Non solo: NON si può ferire o uccidere una persona per difendere i propri averi (automobile, soldi, gioielli, etc.) o la propria abitazione. Meno che mai, si può fare una cosa del genere per difendere i beni di un’altro (i soldi della banca in cui lavorate e cose simili). Si tratta sempre di violenza privata, lesioni personali e omicidio volontario.

Quello che vi ha raccontato la Lega Nord sul diritto di sparare ai ladri che entrano in casa è FALSO. Informatevi meglio. Quello che ne pensate voi, personalmente, di questo tema è IRRILEVANTE. Ciò che conta è la legge.

Quindi: se dovete difendervi da una aggressione, sparate quando è ora di farlo. Sparate in faccia all’aggressore PRIMA che vi aggredisca (ma non prima di averlo avvertito, ovviamente). NON sparate mai ad un delinquente che fugge, NEANCHE se ha appena finito di stuprarvi. Non sparate MAI alle spalle. Nel “far west” vi avrebbero impiccato per una cosa del genere. In Italia, nel 2009, vi danno da 20 anni all’ergastolo.

NON sparate mai a nessuno per scacciarlo da casa vostra. NON sparate mai a nessuno per difendere i vostri beni, come l’automobile, l’autoradio o la borsetta. Sparate solo per difendere la vostra persona da un pericolo fisico chiaro ed immediato (il famoso “Clear and Present Danger” in inglese).

Imparare a sparare quando è il momento di farlo, cioè PRIMA che la minaccia venga messa in atto, è in assoluto la cosa più difficile, anche per i professionisti. Sparare a qualcuno, PRIMA che vi abbia veramente fatto del male, è molto, molto difficile. Bisogna fare violenza a sé stessi per riuscirci. Purtroppo, però, è proprio così che bisogna fare. Il concetto di legittima difesa è nato per impedire che una violenza odiosa venga messa in atto, non per punirla dopo che è stata compiuta. Punire i reati è compito dei Giudici, non dei privati cittadini.

È tutto. Come ho detto all’inizio, la scelta dello strumento (pepper spray o bazooka) e della tecnica (discussione ad oltranza o attacco nucleare preventivo) di difesa è un VOSTRO problema. Non è mia intenzione sostenere l’una o l’altra tesi. Riflettete su quanto vi ho detto e decidete liberamente.

In ogni caso NON METTETE IL VOSTRO STRUMENTO DI DIFESA NELLA BORSETTA, qualunque esso sia !!!!!!!

Alessandro Bottoni

alessandro.bottoni@infinito.it

www.alessandrobottoni.it

Annunci
Comments
24 Responses to “Strumenti e Tecniche Antistupro”
  1. Luca Sartoni ha detto:

    Questo post è utile e interessante ma io continuo a pensare che essere vittima, è quasi sempre uno stato mentale. Non pensare mai al pericolo, sentirsi sempre indifesi, concedere molto a chi poi aggredirà.

    Credo che proprio per i motivi che hai elencato tu, l’arma da fuoco o il semplice coltello siano da evitare. La falsa sicurezza dell’oggetto mette in secondo piano il fatto che senza un addestramento idoneo e continuato, tale oggetto sia più pericoloso per se stessi che per un eventuale aggressore.

  2. wolly ha detto:

    Chi usa un’arma legittimamente detenuta contro il soggetto che ha violato il privato domicilio per difendere la propria o altrui incolumità oppure i beni propri o altrui, quando non vi è desistenza e vi è pericolo d’aggressione, non sarà più punibile.

    E’ quanto previsto dalla legge n. 59 del 13 febbraio 2006 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 51 del 2 marzo 2006.

    Il provvedimento definisce il rapporto di proporzione di cui all’art. 52 cod.pen. allargando le maglie della legittima difesa.

    Le nuove disposizioni si applicheranno anche nel caso in cui il fatto sia avvenuto all’interno di ogni altro luogo ove venga esercitata un’attività commerciale, professionale o imprenditoriale.

    • alessandrobottoni ha detto:

      Woly says:
      “Chi usa un’arma legittimamente detenuta contro il soggetto che ha violato il privato domicilio per difendere la propria o altrui incolumità oppure i beni propri o altrui, quando non vi è desistenza e vi è pericolo d’aggressione, non sarà più punibile.”

      Questa è proprio la trappola tesa dalla Lega Nord e che ha già portato in galera per oltre 20 anni almeno due persone. Leggete attentamente questa frase:
      “Chi usa un’arma legittimamente detenuta contro il soggetto che ha violato il privato domicilio per difendere la propria o altrui incolumità oppure i beni propri o altrui, quando non vi è desistenza e vi è pericolo d’aggressione, non sarà più punibile.”
      In pratica, questo articolo di legge NON altera in NESSUN modo quello che GIÀ prevedeva la legge. Quando c’è pericolo di aggressione e l’aggressore non desiste, è SEMPRE stato legittimo sparare per difendersi. RESTA TUTTORA illegale sparare ad una persona che fugge (“desistenza”) o che non vi sta minacciando in maniera inequivocabile e realmente pericolosa.
      RESTA anche NECESSARIO rispettare il criterio di proporzionalità tra offesa e difesa e tra reazione e minaccia: se vi puntano addosso un coltello da 5 metri di distanza NON potete sparare perchè l’aggressore non è ancora in grado di farvi del male. Se vi sputano in faccia, NON potete sparare perchè uno sputo non fa male quanto un proiettile.
      Ci sono già state delle sentenze su questo tema e almeno due persone (incensurate fino a quel momento) sono finite in galera per oltre vent’anni.
      Potete facilmente immaginare cosa viene fatto a questi imbecilli (la gente va chiamata col suo nome…) da parte degli altri galeotti (cioè il tipo di gente a cui costoro hanno sparato ALLE SPALLE senza pensarci due volte).

      PS: C’è anche una discussione in corso tra gli studiosi che riguarda la frase “oppure i beni propri o altrui”. La legislazione italiana NON ha MAI permesso l’uso delle armi per difendere i beni (propri od altrui) ma solo la persona. Ci sono fondate ragioni di ritenere che questa frase sia illegittima (forse addirittura incostituzionale).

  3. wolly ha detto:

    Da dove prendi la notizia che le poliziotte non in divisa o come dici tu fuori servizio, non portano la pistola?
    Leggendo il tuo post l’unica soluzione che rimane è quella di lasciarsi violentare senza fare neanche troppo rumore che magari il violentatore ci rimane male.
    Nell’attesa dei robottini che pattugliano ovviamente.

    • alessandrobottoni ha detto:

      Wolly says:
      “Da dove prendi la notizia che le poliziotte non in divisa o come dici tu fuori servizio, non portano la pistola?”

      Ci sono statistiche interessanti anche su questo punto. Sembra che in Italia solo il 13% dei tutori dell’ordine maschi ed il 7% circa delle femmine abbia l’abitudine di portare un’arma sulla persona, pronta al fuoco, quando non è in servizio. Ci sono ovviamente delle grosse fluttuazioni regionali (Napoli e Roma con oltre il 30% per i maschi e circa il 15% per le femmine contro alcune cittadine di provincia con il 3% e l’1%, rispettivamente). Questa statistica comprende tutti i vari corpi di polizia statali (Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza e Guardia Forestale). All’interno della statistica, il tratto casa-lavoro-casa ed i servizi in abiti civili (“coperti”) sono considerati tempo speso in servizio a tutti gli effetti.
      La ragione di questa disaffezione per il porto dell’arma è ovviamente sempre la stessa: arma d’ordinanza (Beretta 92FS Calibro 9×19 NATO) troppo pesante ed ingombrante (e fondina inadeguata agli usi civili). Tant’è vero che la quasi totalità di chi decide di girare armato anche quando non è in servizio acquista una seconda arma (di solito una “compact” od una “subcompact”) e la relativa fondina con i propri soldi.
      Può essere interessante sapere che queste statistiche raddoppierebbero se fosse lo stato ad assumersi l’onere economico di acqusitare armi e fondine adatte all’uso con abiti civili. Infine, solo una piccola percentuale (5%) ritiene pericoloso il porto dell’arma sulla persona e lo limita al tempo del servizio.
      Negli USA, queste percentuali sono, rispettivamente, di circa il 25% e di circa il 13%.

      “Leggendo il tuo post l’unica soluzione che rimane è quella di lasciarsi violentare senza fare neanche troppo rumore che magari il violentatore ci rimane male.”

      Cito me stesso:
      “Non è mia intenzione sostenere l’una o l’altra tesi. Riflettete su quanto vi ho detto e decidete liberamente.”

      Il concetto è: esistono molti modi di difendersi ma ognuno di essi comporta impegni e responsabilità. Non agite in preda all’emozione e/o con leggerezza.

  4. Domiziano Galia ha detto:

    La morale è che, al contrario di quanto sostenuto per secoli, dovrebbero essere le donne a fare il servizio militare. E io sono d’accordo.

    Ma al di là di tutte queste considerazioni, sono assolutamente convinto che la pena di morte mediante tortura in piazza pubblica per gli stupratori sarebbe il miglior deterrente nei confronti di persone profondamente codarde.

    E non venite fuori con la solita favola smerciata dai radicali e compagnia bella che la pena di morte non è un deterrente. Facciamo una prova, applichiamola per un anno e vediamo. Se davvero non funziona la aboliamo e io mi offro volontariamente a sottopormici, come ultima vittima, per averla proposta. Ci metto la firma.

    • alessandrobottoni ha detto:

      Domiziano Galia says:
      “E non venite fuori con la solita favola smerciata dai radicali e compagnia bella che la pena di morte non è un deterrente. Facciamo una prova, applichiamola per un anno e vediamo. Se davvero non funziona la aboliamo e io mi offro volontariamente a sottopormici, come ultima vittima, per averla proposta. Ci metto la firma.”

      Premetto che io, personalmente, non ho nulla in contrario alla pena di morte, alle punizioni corporali ed all’esilio forzato (una volta che si sia dimostrata la colpevolezza dell’imputato e si dimostrato che la pena è commisurata al delitto, ovviamente).

      Tuttavia, bisogna chiarire cosa si intende con la frase “la pena di morte funziona come deterrente”. Se lo scopo è quello di far diminuire il tasso statistico di reati o di diminuire la “propensione al reato” dei criminali, allora sappiamo già per certo che la pena di morte non solo non è un deterrente ma addiriuttura fa aumentare sia il numero dei reati che la loro gravità. Questo lo sappiamo grazie al fatto che in molti paesi del mondo, tra cui gli USA, la pena di morte è in uso da secoli e ci sono statistiche affidabili ed adatte ad ogni tipo di studio e di confronto.

      Se invece la pena di morte (ed altre misure) deve servire come “sacrosanta punizione”, allora sicuramente funziona, nel senso che soddisfa il desiderio di giustizia (o di vendetta?) della popolazione. Anche qui ci sono molte indagini statistiche che lo dimostrano al di là di ogni dubbio, tant’è vero che nessun politico che viva in un paese dove la pena di morte è in uso si permetterebbe mai di metterla in discussione.

  5. Domiziano Galia ha detto:

    E comunque, ad ogni modo, dovesse capitare a qualcuno che conosco, e sarei tentato di farlo anche per chi non conosco, se lo stupratore mi capita per le mani lo ammazzo. Mi condannino pure poi, non me ne fotte un cazzo. La bilancia della giustizia penderà comunque in positivo.

  6. Livia ha detto:

    Il tuo post è molto interessante e mi ha fatto riflettere su quale potrebbe essere la soluzione migliore da adottare in un momento critico come quello da te illustrato…

    Personalmente opterei per una pistola al CO2 perché statisticamente è meno probabile che gli aggressori siano dotati di armi da fuoco e di solito aggredire una donna è un’atto abbastanza semplice per un uomo – soprattutto se si è in due ad aggredire. Inoltre è raro trovare una donna armata in giro (a meno che non sia una poliziotta).

    Detto questo non so veramente cosa potrebbe succedere in una situazione critica: credo che però sia molto importante mostrare di avere la pelle dura e non arrendersi fino alla fine.

  7. giuseppe ha detto:

    Condivido l’uso del localizzatore gps che se opportunamente incentivato permetterebbe di risolvere molti casi di vari tipi di violenza. Ve ne sono anche di altri tipi che sono meno costosi e non prevedono canoni fissi.
    Io uso un dispositivo della SkyWay che monta un normale scheda GSM e invia sms di aiuto a dei numeri prestabiliti (parenti) con le coordinate GPS. Chi riceve sms può verificare con una Chiamata l’effettiva emergenza e se del caso allettare le forze dell’ordine e/o recarsi di persona sul luogo. Unico inconveniente sono le zone con scarsa copertura GPS (interni)

  8. Marco ha detto:

    Contro ogni tipo aggressione, bisogna ricordare il calcio o ginocchiata alle palle e le dita negli occhi.

    Indossare scarpe adatte permette di scappare se è il caso.

    Considerare anche la rapina: non portare con sé cose non necessarie (ad esempio è inutile portare sia patente sia carta d’identità sia passaporto, ma ne basta uno).

    Portare con sé e tirare fuori una qualunque arma (spray, pistola, coltello, ecc) può essere pericoloso perché l’aggressore può strapparla di mano, usarla lui, e spaventarsi e reagire in modo inconsulto. Prima di uscire di casa con un’arma, è necessario che ci si sia preparati per usarla durante un’aggressione.

    Se c’è uno con un’aria da malintenzionato che cammina dietro di te per la strada, non è detto che sia davvero un malintenzionato stupratore, e comunque se si interviene preventivamente si commette reato.

    (Non ho una fonte sotto mano) solo il 6% degli stupri è dovuto ad un estraneo il resto è da parte di una persona molto più vicina….

  9. Davide ha detto:

    Complimenti, un articolo molto interessante, in molti blog si trovano pareri mentre in questo si trovano motivazioni tecniche e specifiche sull’argomento.

  10. Davide ha detto:

    Puoi fornire qualche link sulla statistica americana approposito dell’uso dello spray urticante da parte degli stupratori stessi?

    • alessandrobottoni ha detto:

      Davide says:
      “Puoi fornire qualche link sulla statistica americana approposito dell’uso dello spray urticante da parte degli stupratori stessi?”

      Si tratta di uno studio effettuato da una delle moltissime associazioni che si contrappongono alla politica (tutta americana) sulla liberalizzazione delle armi. Non è disponibile in rete.

  11. Luca ha detto:

    Ma a questo punto, tenersi un piombo o un mattone dentro la borsetta ed usarla come correggia non sarebbe la cosa più semplice?

  12. Luca ha detto:

    Bha

    Il post è molto utile ma non sono d’accordo su una frase sparata li senza senso riguardo gli spray al peperoncino e la lega nord che ha dato il via libera all’uso

    scusa ma allora anche le pistole a gas possono essere usati dai rapinatori e dagli stupratori per fare vilenze
    qualsiasi arma usata da un cittadino può essere usata da un delinquente comune, quindi cosa centra la lega?

    Il problema va risolto alla radice:
    è lo stato che ci deve difendere non noi che ci dobbiamo difendere dagli stupratori, quindi si torna sempre al solito argomento quando si faranno leggi severe e inequivocabili contro gli stupratori a partire da quelli che arrivano dai paesi dell’est

    proprio oggi è uscita la notizia che il 40% dei delinquenti romeni solo romeni viene in Italia perchè non esistono pene severe

    prima tra tutte castrazione chimica

    Saluti

    • alessandrobottoni ha detto:

      Luca says:
      “Il post è molto utile ma non sono d’accordo su una frase sparata li senza senso riguardo gli spray al peperoncino e la lega nord che ha dato il via libera all’uso”

      “Sparata senza senso” una mazza, se permetti! Se faccio un’asserzione del genere è perchè ne ho il motivo ed, infatti, ne spiego le ragioni in dettaglio nel mio articolo. E’ stata la lega, per sua stessa ammissione ad avere voluto questo cambio di legislazione. Ha fatto tutta la pubblicità possibile a questa sua iniziativa e se ne è vantata in ogni occasione. Di conseguenza, deve assumersi le responsabilità che ne derivano.

      Come ho già spiegato, fino a questa legge, questi aggeggi potevano essere venduti solo in armeria (e l’identità del compratore veniva registrata). Ora si possono comprare sulle bancarelle. Non è un passo avanti per la sicurezza, anzi!

      Luca says:
      “scusa ma allora anche le pistole a gas possono essere usati dai rapinatori e dagli stupratori per fare vilenze
      qualsiasi arma usata da un cittadino può essere usata da un delinquente comune, quindi cosa centra la lega?”

      La lega c’entra moltissimo con la creazione di questo assurdo clima di paura. A parte questo, il punto è che gli spray al peperoncino sembrano progettati apposta per facilitare il lavoro di un aggressore: sono silenziosi, non sono letali, sono altamente invalidanti (ti accecano e ti tolgono il respiro) ma hanno un effetto solo temporaneo. Sono oggetti apparentemente innocui (e che quindi passano quasi inosservati) ma pericolosissimi nelle mani di un malintenzionato.

      La differenza più rilevante è che l’apparizione di una pistola nelle mani di uno sconosciuto provoca immediatamente allarme nelle persone presenti e le porta a chiamare la polizia il prima possibile. L’apparizione di una bomboletta non ha questo effetto. Prima bisogna che le persone presenti capiscano di cosa si tratta e che capiscano quali rischi comporta per loro e per le altre persone, poi può scattare l’allarme.

  13. nbmodena ha detto:

    io come donna andrei a leggermi i 10 consigli antistupro pubblicati sul seguente sito:
    http://www.nbmodena.org/2009/01/29/10-consigli-antistupro/

  14. alessandro ha detto:

    Volevo portarvi a conoscenza, in quanto appassionato del genere, che le armi a co2, nonosctante considerate a danno limitato, possono essere solo trasportate scariche e non “portate” pronte all’uso, in quanto reato se fatto in luoghi pubblici. ache io sono molto daccordo sull’uso a scopo intimidatorio che se ne potrebbe fare,magari si potesse, ma a parte che pare sia vietato il “porto”(diverso dal trasporto), bisognerenne fare i conti con l’intelligenza di non tirarla fuori se si valuta l’inutilità. Infatti se l’aggressore dovesse avere una vera pistola sarebbero “cavoli amari”….e ho detto tutto.
    buonasera

  15. Carmelo ha detto:

    Una sola domanda: che io sappia, è severamente vietato dalle norme di pubblica sicurezza, circolare in luoghi pubblici con armi a bassa capacità offensiva pronte all’uso, come nel caso delle tue citate ad aria compressa e CO2.

    Non so… possibilmente, avrò interpretato male io il tuo articolo?

    Per il resto, complimenti per tutto il tuo articolo.

  16. alessandro ha detto:

    “Fa rumore, proprio come un’arma vera. A pochi metri di distanza, ed in condizioni di “sparatoria”, persino un orecchio esperto avrebbe delle difficoltà a distinguere uno di questi aggeggi da un’arma vera di piccolo calibro. Questo è particolarmente vero per le armi a CO2.

    “Non è letale, per cui potete tranquillamente sparare addosso ad un aggressore al primo accenno di minaccia senza temere di ammazzarlo. Come potete immaginare, l’aggressore non sarà in grado di distinguere, “a colpo d’occhio”, il male prodotto dal pallino Diablo da quello prodotto da un vero colpo di pistola. L’istinto a fuggire quasi certamente avrà il sopravvento (questo non vale però per gli ubriachi ed i drogati…)

    Se sparate verso il viso, potete accecare facilmente un aggressore o metterlo comunque fuori combattimento. Come “ultima ratio” potrebbe essere accettabile.

    In buona sostanza, potete tenere una di queste armi in casa, sotto il sedile dell’auto o sulla persona (NON nella borsetta) e usarla in caso di minaccia per spaventare l’aggressore. Le probabilità che l’aggressore fugga alla sola vista di quella che pensa essere un’arma vera sono molto elevate. Nel caso che insista, il suo momentaneo spiazzamento vi darà comunque un minimo di tempo per pensare a qualcos’altro o per fuggire.”
    Chiedo scusa a tutti ma mi chiedo se chi ha scritto sa qualcosa dulle co2 veramente!!!!!
    non so se qualcuno leggerà mai le mie parole ma è quasi tutto falso.
    Ripeto che è reato portare armi co2 pronte all’uso e poi: per far dannno bisogna sparare su parti “molli” viso , mani ecc… se un pallino enta in un occhio rischia di arrivare al cervello e UCCIDERE, RIPETO UCCIDERE. Io ho una beretta co2 92 fs 130m/s e un extreme co2 fucile a pompa co2 con quai 160 M/s di uscita alla bocca. vi giuro che posso ANCHE uccidere se miri alla gola o agli occhi. con tutto il rispetto che posso chi ha scritto non conosce la potenzialità e la legislatura sulle co2, mi spiace ma questo è il vero. resta confermato che se mi devo difendere la vita me ne frego dei 20 anni di galera ( a secondo dell’età che hai , chiaro:))
    per esempio io tiravo con arco compound, ma a causa di artrosi cervicale ho smesso. sono molto portato per il “tiro a segno” e so che dove miro la colpisco. e ho paura. ho paura perchè con una pistola vera posso sparare a un piede ma con una co2, se devo usarla per difendermi, devo mirare in faccia col rischio di UCCIDERE!!!!. RIPETO IL PALLINO( E CI SONO VARI TIPI ANCHE CON TESTA IN CACCIAIO) ENTANDO IN UN OCCHIO PUO’ UCCIDERE.
    polemicamente dico che prima di scrivere in un forum bisogna dare notizie esatte….mi “perdoni” l’autore.
    buonasera

  17. alessandro ha detto:

    p.s.” I suoi colpi fanno un male bestiale, anche attraverso i vestiti (in realtà, possono facilmente attraversare gli abiti estivi conservando ancora abbastanza energia da piantarsi nella pelle dell’aggressore per diversi millimetri). Le armi a CO2 usano una bomboletta che mantiene inalterata la loro potenza anche dopo mesi dall’inserimento nell’arma e anche dopo decine e decine di colpi sparati”

    la bompboletta non può essere lasciata nell’arma “in eterno” come detto, si rovina facilmente la valvola se tenuta sotto pressione per 1 o 2 settimane di seguito e visto il costo delle bombolette conviene toglierla anche se semicarica. la sua “costanza” di tiro dipende dalla velocità di tiro e dalla temperatura esterna, visto che il co2 è un gas che risente della temperatura di lavoro. ad esmpio un tiro rapido produce incostanza nel comportamento e nella precisone e in estate vanno meglio che in inverno(il co2 letteralmente gela con l’uso continuo)

    Fa rumore, proprio come un’arma vera. A pochi metri di distanza, ed in condizioni di “sparatoria”, persino un orecchio esperto avrebbe delle difficoltà a distinguere uno di questi aggeggi da un’arma vera di piccolo calibro. Questo è particolarmente vero per le armi a CO2.

    nemmeno questo è vero. per quando il botto del gas si senta non è mai il rumore di un’arma da fuoco che “stordisce letteralmente anche chi spara e non è abituato(ma il militare l’avete fatto?)….volevo continuare ma….basta

  18. hernandez ha detto:

    Meglio un …BRUTTO… processo, che un …BEL…. funerale………………..meditate………

Trackbacks
Check out what others are saying...
  1. […] Bottoni, mio carissimo amico, ha scritto un post molto interessante su alcuni strumenti e tecniche antistupro. A dire il vero tali consigli possono essere applicati a […]



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: