Taci! Fascista!

Un coraggioso lettore che si firma “boh” ha commentato in questo modo il mio intervento di oggi su Punto Informatico:

“Un certo commento te lo potevi risparmiare, fascista! Indovina quale.”

Da “P2P,ci casca anzhe Zapatero?

Ovviamente, si riferisce a questa frase:

“Viceversa, una volta compromesso il diritto alla riservatezza dei cittadini, la frittata è fatta. Lo si è visto bene quando il Paladino della Morale di turno ha deciso di pubblicare su Internet la denuncia dei redditi 2005 di tutti gli italiani. Cinquantotto milioni di italiani messi alla berlina per soddisfare il desiderio di vendetta di una minoranza di frustrati momentaneamente al potere.”

Bene! Dopo oltre 30 anni di militanza politica nella sinistra (FGCI, PCI, PDS, DS, ancora non PD), sono finalmente riuscito a farmi dare del fascista. Poco importa se quasi certamente questo signore si faceva ancora pulire il naso dalla mamma mentre noi manifestavamo in piazza a Bologna (Marzo 1977).

In ogni caso, sono orgoglioso di questo risultato. Se, a quasi cinquant’anni, riesco ancora a farmi dare del fascista dai sedicenti comunisti, così come riesco a farmi dare del comunista dai fascisti, allora vuol dire che riesco ancora a mantenere quella indipendenza di giudizio che ritengo fondamentale per la vita quotidiana e per il lavoro.

In fondo, vuol dire che riesco ancora a riconoscere una porcata ed a denunciarla come tale, anche quando chi la commette sostiene di essere dalla mia parte.

Si è “di sinistra” quando si agisce da persone di sinistra. Il colore della bandiera (o della “gabbana”) non è un certificato di origine. In occasione della pubblicazione dei dati fiscali degli italiani, come in quella della legge ammazza-blog di Prodi/Levi, la sinistra italiana (il PD) ha agito come un partito di estrema destra (nazi-fascista e populista), punto e basta.

Non sono io che sono improvvisamente diventato fascista. Piuttosto, è la sinistra italiana che, nel tentativo di inseguire il centro cattolico, ha finito per accettare compromessi e modi di operare tipicamente di destra.

Alessandro Bottoni

Annunci
Comments
4 Responses to “Taci! Fascista!”
  1. Michele ha detto:

    Per fortuna che ci sono pesone come te che hanno ancora a cuore lo spirito critico.
    Grazie per i tuoi articoli.

  2. Psykopear ha detto:

    E fai bene, le persone che si definiscono di sinistra solo perchè sono iscritte a qualche partito o indossano la maglietta di che guevara, senza poi essere in grado di ragionare di testa propria, sarebbero proprio da “eliminare” (in senso metaforico). Continua così Alessandro…

  3. emmeesse ha detto:

    mmm… ale, io non sono convinto che si riferisse a quello.
    Solo che onestamente non ho capito a cosa si stava riferendo :-)
    che vuoi, son tonto, ma IMHO non si riferiva a quello.

    A parte cio’, la tua esposizione e’ lucida come sempre

  4. MG ha detto:

    Come al solito mi ripeto, PI non lo leggo più, troppi idioti lo usano per nascondersi e poi tirare il loro sasso.

    M.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: