Anonimato ed Anonimato

 

Se seguite le discussioni che avvengono su Punto Informatico (http://punto-informatico.it/) saprete che è in corso un’accesa discussione attorno al concetto di anonimato. A questa discussione abbiamo partecipato anche Athos Gualazzi (Presidente della Associazione Partito Pirata), Frieda Brioschi (Presidente di Wikimedia Italia) ed io. Per le persone interessate, riporto qui di seguito un sommario delle mie personalissime posizioni su questo tema.

 

L’anonimato del fruitore

Sarebbe ora che le nostre Società e le nostre Leggi riconoscessero formalmente un principio ovvio: l’ònere del controllo su ciò che viene distribuito deve ricadere sulle spalle del “distributore”, non del “fruitore”. Deve essere chi mette a disposizione di altri un prodotto (una cassa di mele, una informazione) od un servizio (la linea telefonica, una piattaforma web) a verificare, sotto la sua responsabilità, che la transazione che propone ai suoi utenti non vìoli i diritti di qualcun’altro (ricettazione, violazione del copyright, diffamazione) o qualche legge (spaccio di stupefacenti, incitazione al reato). Internet ed il World Wide Web non sono diversi da qualunque altro “mercato” da questo punto di vista. Nessuno di noi accetta di essere ritenuto responsabile per ciò che acquista in un negozio (fosse anche rubato) e, in modo analogo, nessuno di noi accetta di essere ritenuto responsabile di ciò che legge sul web o di ciò che scarica da Internet. Se qualcuno lo ha reso disponibile, gratuitamente o meno, è questa persona che deve risponderne, non noi “fruitori”.

 

Il “fruitore” (lettore, consumatore, spettatore, etc.), in quanto figura “passiva” dovrebbe essere lasciato in pace. Ogni tentativo di sorvegliare o controllare le sue azioni di “consumo” dovrebbe essere aspramente contrastato. Questo è il caso, ad esempio, dei molti tentativi in atto di limitare l’accesso ad Internet, ad alcuni siti web o ad alcuni servizi. Questi tentativi vanno contrastati. Internet ed i suoi servizi (inclusi i sistemi P2P), proprio in quanto “servizi”, non sono utilizzabili solo a fini criminali e non possono quindi essere messi al bando in questo modo. Ne risultano lesi in modo evidente dei diritti del cittadino che non possono essere ignorati.

 

L’anonimato del fruitore è una evidente ed irrinunciabile necessità in una società democratica. Deve essere possibile leggere i giornali, ascoltare gli oratori e “consumare” film, musica ed altri media senza essere identificabili e rintracciabili. Questi “media” sono, per l’appunto, ciò che “media” la nostra cultura. La nostra cultura è ciò su cui si basa il nostro giudizio, anche a livello politico. Chi riesce a controllare ciò che possiamo consumare, può decidere che opinione possiamo farci del mondo in cui viviamo, della nostra vita e di chi ci comanda. Non ci può quindi essere democrazia là dove il “fruitore” non può agire liberamente e nell’anonimato.

 

L’anonimato dell’attore

Anche chi “produce” informazioni e servizi deve poter restare anonimo, almeno in determinate situazioni. Questo è fondamentale per permettere a chi ha qualcosa di “scomodo” da raccontare di poterlo fare senza timore delle conseguenze. Gran parte della malefatte che vengono commesse, soprattutto quelle commesse dai potenti in una società democratica, hanno bisogno del segreto per poter essere compiute. Basti pensare agli scandali Parmalat, fondi argentini e via dicendo. Per questa ragione è necessario che, almeno in certe condizioni, questo segreto possa essere violato. Per poterlo violare senza timori, è necessario che il “delatore” possa agire in modo anonimo.

 

Questo però non può voler dire che l’anonimato debba (o possa) essere difeso in modo generalizzato ed indistinto, neanche all’interno di un singolo, determinato contesto. Per essere chiari: non ha senso pretendere che Internet, solo perchè è Internet, debba essere un mondo di anonimato e di impunità. Internet è un “contesto sociale” come qualunque altro. Non è diversa da New York o dal club dei cuori solitari. Come qualunque altra Comunità, non può fare altro che appoggiarsi al concetto di responsabilità individuale per garantire il rispetto degli individui che ne fanno parte. E non ci può essere responsabilità individuale là dove non esiste una identità individuale riconoscibile e rintracciabile. Per questo, su Internet come ovunque, è necessario che (almeno) chi agisce (chi vende, pubblica, mette a disposizione di altri) sia identificabile e rintracciabile.

 

Questo è un concetto che viene spesso travisato. Non appena si sostiene la necessità di rendere identificabili e rintracciabili gli attori di Internet, si viene accusati di voler tracciare gli utenti della Grande Rete. Non è così. Attori e utenti sono cose diverse, come abbiamo appena spiegato. Pretendere di sapere chi agisce (pubblica, rende disponibile al pubblico, produce, fornisce servizi, etc.) non vuol dire pretendere di sapere anche chi consuma (compra, legge, scarica, etc.).

 

Comunicazione, Condivisione e Pubblicazione

A questo punto, diventa indispensabile distinguere tra comunicazione, condivisione e pubblicazione. Prima però, bisogna chiarire il concetto di informazione.

 

In questo contesto, una informazione è qualche cosa che può essere tradotta e scambiata facendo uso del linguaggio naturale (la parola scritta o parlata) senza una sostanziale perdita di valore. L’informazione non è un file. Un file è un materiale digitale che può essere nuovamente scambiato nella sua forma originale, od in una equivalente dal punto di vista del fruitore, ma che non può essere “raccontato a parole” senza una sostanziale perdita di valore. La frase “OpenOffice gira anche su Windows” è una informazione che può essere resa a aprole, anche in altre lingue. OpenOffice.exe, FreeTime.MP3 e Armageddon.DivX sono materiali digitali che non possono essere “resi” a parole.

 

La comunicazione avviene tra due o più persone che si scambiano informazioni all’interno di un contesto chiuso. Un contesto è chiuso quando pone delle barriere “burocratiche” all’accesso (oltre alle inevitabili berriere tecniche). Una mailing list è un contesto chiuso perchè è necessario registrarsi e rendersi reperibili (via e-mail) per partecipare alle discussioni. Un blog è un contesto aperto perchè chiunque può leggerlo, senza dover superare alcuna barriera.

 

La condivisione avviene tra due o più persone che si scambiano materiali (digitali o meno) all’interno di un contesto chiuso. Una mailing list è un contesto chiuso perchè è necessario registrarsi e rendersi reperibili (via e-mail) per partecipare alle discussioni. Una rete P2P come eDonkey è un contesto aperto perchè chiunque può accedervi, senza dover superare alcuna barriera (a parte l’inevitabile barriera tecnica rappresentata dalla installazione e dall’uso del programma client).

 

La pubblicazione (o diffusione) ha luogo quando una o più persone rendono disponibili delle informazioni o dei materiali a chiunque attraverso un media di qualunque tipo (un banchetto in piazza, Internet, etc.). Nel caso si tratti di informazioni, si parla di pubblicazione. Nel caso si tratti di materiali (digitali o meno) si parla di diffusione.

 

Ora è abbastanza ovvio che la comunicazione deve essere assolutamente libera e, quando tutti i partecipanti sono d’accordo, deve poter avvenire in modo anonimo. Spero vivamente che non sia necessario spiegare perchè questo deve essere possibile.

 

All’altro estremo, è altrettanto ovvio che la pubblicazione e la diffusione non possono essere del tutto libere ed incontrollate. Innanzitutto, è necessario che chi diffonde informazioni e chi diffonde materiali sia nella posizione legale di poterlo fare. In particolare, per diffondere materiali coperti da copyright è necessario disporre delle necessarie autorizzazioni (“diritti”). Diversamente, ci si approprierebbe abusivamente di un diritto che appartiene chiaramente all’autore. Oltre a questo, è ovvio che chi diffonde informazioni e materiali si fa carico di molte responsabilità nei confronti dei suoi simili. Se queste informazioni danneggiano una persona od una organizzazione, senza che esista una adeguata “giustificazione” sociale o legale per questo danno, si ricade senz’altro nel reato di diffamazione. Se le informazioni non rispondono al vero, si cade nel reato di calunnia (o di diffusione di notizie false e tendenziose). Di conseguenza, la pubblicazione e la diffusione non possono essere anonime. Queste attività sono portatrici di responsabilità individuali ben precise e, come abbiamo detto, non ci può essere responsabilità individuale là dove non esiste una identità individuale riconoscibile e rintracciabile. In questo caso, l’anonimato diventerebbe semplicemente una via all’impunità nei confronti di banalissimi reati contro la persona e contro il patrimonio. Non ci può essere giustificazione per questo.

 

La condivisione di materiali ricade nel mezzo tra queste due situazioni. Da un lato è chiaro che deve essere possibile condividere materiali in un gruppo chiuso. Dall’altro è altrettanto chiaro che si deve essere in posseso dei necessari “diritti” per condividere qualcosa con altri.

 

Noi tutti possiamo essere in disaccordo con la attuale legge sul Diritto d’Autore, e con le varie leggi che regolano il diritto alla libertà di stampa in Italia e nel resto del mondo, ma non possiamo nemmeno sostenere la necessità di una totale anarchia in questi settori. Ciò di cui abbiamo bisogno è libertà, non impunità. Abbiamo bisogno di vedere riconosciuto il nostro diritto a fruire liberamente di informazioni e materiali, a condividere questi materiali in modo molto più ampio e permissivo di quello attuale ed a pubblicare le nostre opinioni in modo più libero e più garantito di quello attuale. non abbiamo però bisogno dell’impunità. Per questo non possiamo difendere l’uso dell’anonimato in maniera incondizionata.

 

Quando l’anonimato ha un valore

L’anonimato è un valore da difendere quando permette ad una persona di far conoscere ai suoi simili delle informazioni che possono rendere impossibile un reato nei loro confronti o possono sanarne le conseguenze. Se un dipendente, che fosse stato a conoscenza dei fatti, avesse fatto sapere all’opinione pubblica cosa stava succedendo all’interno di Parmalat o di Enron prima che questi colossi crollassero, questo anonimo dipendente avrebbe salvato molti risparmiatori dal danno prodotto su di loro da una truffa. Questo uso dell’anonimato è sacrosanto e va difeso.

 

L’anonimato è un valore quando viene usato per discutere apertamente della vita politica e dei suoi personaggi, al di là delle leggi che questi potenti emanano a difesa delle proprie malefatte. Una comunità democratica deve poter discutere apertamente dei potenti che la controllano per poter esercitare il suo controllo democratico su di essi. Questa discussione deve poter arrivare al punto di conoscere i dettagli della vita privata di queste persone perchè questi dettagli sono rilevanti ai fini delle loro scelte politiche.

 

L’anonimato NON è un valore quando serve solo a garantire l’impunità di un codardo che attacca e danneggia una o più persone senza che esista una reale giustificazione legale, sociale e politica per tutto questo.

 

Ciò di cui ha bisogno la nostra società non è l’impunità che deriva dall’anonimato, cioè quella impunità che deriva dalla possibilità di violare le leggi esistenti senza subirne le conseguenze. Ciò di cui ha bisogno la nostra società è la libertà di poter agire in un modo riconosciuto e difeso dalle leggi. Nei dettagli, io voglio poter condividere dei file con altre persone in modo legittimo e riconosciuto dalla legge. Voglio poter pubblicare fatti ed opinioni in modo garantito dalla legge (ed assumendone le responsabilità che ne conseguono). Non voglio essere costretto a ricorrere all’anonimato per violare una legge che non condivido.

 

Wikipedia, WordPress e simili

Sostenere la necessità di mantenere anonimi (o pesudonimi) gli autori di Wikipedia è completamente privo di senso. Chi scrive per Wikipedia si impegna sin dall’inizio a non esprimere opinioni personali ed a riportare solo fatti già noti e verificabili. Non c’è quindi nessun “diritto alla libertà d’espressione” da difendere. Non c’è nemmeno la necessità di difendere chi si dedica alla delazione per altruismo perchè, in ogni caso, non potrebbe farlo attraverso quelle pagine. L’anonimato degli autori su Wikipedia è solo un inspiegabile regalo che viene fatto a chi vuole diffamare e calunniare gli altri da un pulpito molto visibile con la certezza di restare impunito. Non c’è libertà in questo uso dell’anonimato. C’è solo impunità.

 

Un blog WordPress o Blogger esprime l’opinione personale della persona o del gruppo di persone che lo gestisce. Come tale, è sicuramente da difendere il diritto alla libertà di espressione. Non si capisce però per quale motivo si dovrebbe difendere il diritto di queste persone ad agire in modo anonimo. Pubblicando le proprie opinioni e le informazioni di cui sono in possesso si fanno carico della responsabilità che ne consegue e, di conseguenza, è del tutto legittimo pretendere che si rendano identificabili e rintracciabili. La responsabilità di rendere identificabili e rintracciabili gli autori non può cadere su nessun’altro che sul gestore della piattaforma tecnica.

 

I commenti meritano un discorso a parte. In linea di principio, dovrebbe essere il gestore del singolo sito o del singolo blog a pretendere che chi pubblica un commento si renda identificabile e reperibile. La responsabilità di ciò che scrive dovrebbe ricadere direttamente sull’autore. Ovviamente, il gestore del sito può anche decidere di farsi carico di un lavoro di “moderazione” dei commenti e, di conseguenza, di farsi carico in prima persona di ciò che pubblicano i suoi commentatori. Ciò che non è assolutamente ammissibile è che non ci siano responsabili.

 

Anche nel caso dei blog e, più in generale, del World Wide Web, non è quindi possibile pretendere di usare in modo indiscriminato lo strumento dell’anonimato. Questo porterebbe ad uno stato di caotica anarchia e di impunità generalizzata. Non so come la pensiate voi ma, per quanto mi riguarda, non è certo questa la Internet che sogno.

 

WikiLeaks, Freenet, Piano R* e Anonet

Nonostante tutto questo, sono sempre stato e resto un difensore di strumenti come WikiLeaks, FreeNet, Anonet e del “Piano R*” del Collettivo Autistici/Inventati (se non sapete di cosa sto parlando, fate buon uso di Google e di Wikipedia).

 

Perchè?

 

Perchè ogni comunità ha bisogno di uno spazio e di uno strumento che permetta di far emergere le informazioni sgradite ai potenti. Chi controlla la vita economica e politica del paese può erigere delle barriere insormontabili attorno ai suoi “affari” e la pubblicazione anonima di informazioni è il solo modo di scavalcare quelle barriere. Questo vale anche per la condivisione di materiali scomodi (film, immagini, documenti, etc.). Questo uso dell’anonimato è sacrosanto e va difeso.

 

Più precisamente, dovrebbe esistere una legge (un articolo della Costituzione) a difesa di questo uso dell’anonimato. Strumenti come quelli citati dovrebbero essere difesi dalla legge, non chiusi dal mandato di un giudice.

 

Ovviamente, è facile abusare di strumenti come questi. Si può usare FreeNet per pubblicare (o condividere) materiale coperto da copyright e materiale pedopornografico. Ma, a mio modestissimo avviso, questo è un prezzo da pagare per potersi permettere una democrazia funzionante.

 

In questo contesto, va anche tenuto presente che la tecnologia mette già da tempo a disposizione dei detentori dei diritti una serie di strumenti adatti a prevenire e perseguire le violazioni del copyright, come i watermark. Questo specifico problema può quindi essere risolto con la stessa facilità con cui possono avvenire le violazioni (fermo restando che l’uso dei watermark andrebbe bilanciato da una maggiore libertà di utilizzo dei materiali digitali).

 

In ogni caso, la nostra società deve tornare a riflettere sul tema dell’anonimato. Non è un mondo in bianco e nero e, purtroppo per noi, non è nemmeno vero che la giusta via stia nel mezzo. Si tratta di analizzare nel dettaglio migliaia di situzioni e combinazioni diverse, estrapolarne dei principi generali e dare vita a delle leggi che riescano ad equlibrare le necessità di una democrazia con quelle del mercato e dell’individuo. Non è un lavoro facile e non lo diventerà di più se si continuano a prendere delle posizioni “ideologiche” e pregiudiziali su questo tema.

 

Alessandro Bottoni

alessandro.bottoni@infinito.it

alessandrobottoni@interfree.it

 

 

 

Annunci
Comments
One Response to “Anonimato ed Anonimato”
  1. Luca Sartoni ha detto:

    Non capisco perchè il prezzo da pagare per una democrazia funzionante è giustificato in progetti come anonet e freenet (che non funzionano purtroppo) e non è giustificato in progetti reali e funzionanti come blog e wiki.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: